#Fundraising per la #politica n°108 : tra finanziamento pubblico e privato

titanic-icebergDa quest’anno, in Italia, i partiti politici non riceveranno più il finanziamento pubblico. Un bene o un male? Per finanziare la politica meglio utilizzare fondi pubblici oppure affidarsi alle donazioni dei privati?

In moltissimi paesi del mondo continua ed essere utilizzato il finanziamento pubblico, in altri il finanziamento pubblico è proporzionale alla quantità di fondi raccolti tramite il fundraising ( per esempio la Germania), in altri, davvero pochi, ci si affida solo al fundraising. Va detto che tutto dipende molto dal contesto sociale e dalla propensione al dono. In Italia, rispetto a molti altri paesi, la propensione generale al dono è bassa e quindi, la scelta del finanziamento privato pone molti problemi rispetto alla sua fattibilità.

Ottenere donazioni da privati: pro e contro

  • Un partito potrebbe dipendere troppo da alcuni finanziatori privati
  • Non è detto che tutti i donatori siano disposti a sostenere un partito politico o un candidato alle elezioni
  • Senza un regolamento etico sulle donazioni nessun partito dovrebbe raccogliere fondi
  • Serve molta trasparenza per utilizzare le donazioni
  • Servirebbero maggiori controlli sulla raccolta pubblica di fondi e sulle modalità di utilizzo

Ottenere fondi pubblici: pro e contro

  • Ai partiti è assicurata maggior indipendenza e quindi si evitano le pressioni dei “grandi donatori” e di certe lobby
  • I sondaggi hanno spesso dimostrato che, in molti paesi, le sovvenzioni per i partiti sono molto impopolari tra i cittadini e quindi il finanziamento pubblico risolverebbe il problema
  • Le decisioni riguardo l’ammontare e l’allocazione dei finanziamenti pubblici può essere sfavorevole ai partiti più piccoli, al contrario della raccolta delle donazioni private

Volendo miscelare diversi sistemi di finanziamento, si potrebbe arrivare ad un sistema misto con alcuni obiettivi:

  • Garantire, attraverso il sostegno pubblico, a tutti i partiti e ai candidati, le risorse minime per l’esercizio delle loro funzioni, promuovendo uguaglianza nell’uso delle risorse (tv, giornali, spazi pubblici..ecc)
  • promuovere e stimolare i cittadini alla partecipazione attraverso il finanziamento privato (uso del fundraising e del people raising) dei partiti e dei candidati
  • controlli puntuali per tutti coloro che decidono di raccogliere fondi a sostengo della politica con obbligo di rendicontazione periodica delle somme raccolte e delle spese
  • pubblicazione degli elenchi dei donatori con in chiaro i nominativi di chi ha donato somme maggiori di 20 euro (in alcuni paesi le somme sono 50 o 200 euro).